Riflessioni Natalizie: quanto ci costa il Natale?

30 12 2008

di Giorgio Crepaldi e Andrea Collini

Secondo la tradizione cristiana, Dio scelse di far nascere il proprio figlio, colui destinato a diventare il Salvatore dell’umanità, l’uomo più importante di tutti i tempi, in una semplice stalla. Immagine ribadita, nelle case di praticanti e non, con la creazione del presepe.

Concetto strano, difficilmente comprensibile per chi non è cristiano, che immaginerebbe la nascita di tale personaggio grandiosa e altisonante. E, sicuramente, concetto affascinante. Intendere la collocazione del Padre Eterno in un contesto di assoluta povertà è uno spunto di riflessione al quale nessun cristiano può sottrarsi.

Purtroppo però è proprio ciò accade alla quasi totalità del mondo cristiano: il Natale è un evento dove l’opulenza e lo spreco sono il mezzo con cui manifestare il proprio credo.

In qualità di non credenti, abbiamo la licenza di spaziare con la fantasia. Ci chiediamo quindi: se Dio dovesse far nascere un secondo figlio, o far rinascere Gesù Cristo, dove collocherebbe questo avvenimento?

Nascerebbe quindi forse in una di quelle baraccopoli sparse per il mondo, dove milioni di persone vivono in condizioni al confronto delle quali la mangiatoia di Betlemme parrebbe un lusso? O, forse, in un campo Rom, ai quali non è dato neanche il diritto di avere quelle baracche?

Difficile dirlo, e la risposta dipende da chi la formula. Vista la scelta di questa Amministrazione di cancellare ogni forma di cooperazione internazionale, ma spendere 45.629 Euro per rendere i cittadini di Buccinasco partecipi di una intensissima emozione visiva quando passeranno di fronte ad una luminaria natalizia, possiamo però intuire verso dove si orienterà la risposta di qualcuno in Municipio.

Concludiamo facendo gli auguri di buon anno. Questi sinceri auguri sono rivolti a tutti, credenti e non credenti; dove per credenti si intende, naturalmente, chi il 25 dicembre ha festeggiato la nascita del proprio Salvatore, sia esso Cristo, Horus, Krisna, Ra, Zoroastro, Adone, Mithra, Osiride, Dionisio o un’altra tra le almeno venti rimanenti divinità che si presume siano nate in quella data. Si potrebbe dire che se noi atei manchiamo di fede, qualcun altro manca di originalità 😉

  • Determina 1125:    Auguri Natalizi pubblicazione su tre periodici locali  € 1.430
  • Determina 1037:   Acquisto addobbi natalizi € 293
  • Determina 1035:   Luminarie natalizie  € 41.000
  • Determina 1111:    Presepe Vivente di Gudo € 2.500
  • Determina 1080:  Attività festività natalizie  € 406
  • TOTALE: EURO 45.629
Annunci

Azioni

Information

One response

5 01 2009
luigi

Interessanti le argomentazioni sulla povertà di Gesù Cristo e la ricchezza della Chiesa, gli sprechi in tempi di crisi e le povertà vecchie e nuove che aspettano giustizia e non carità. Perchè passa di fatto e poi concettualmente, il concetto di carità, piuttosto che non di giustizia? la Chiesa parla sempre di” giustizia di Dio” e mai di giustizia in quanto a eliminazione di disuguaglianze tra uomini intesi come soggetti “pari” dell’umanità, e siccome la giustizia di Dio, non solo quella di Abramo e di Mosè ma anche di tutti i dii del mondo è amministrata da pochi uomini i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Insomma ,la paura dell’al di là, usata nel di quà, la povertà e l’uso del potere (alleanza strategica con il potere costituito anche con la forza) sono stati e lo sono ancora, strumenti della sua forza, aggiungendo a questi, strumenti di persuasione come la carità, la speranza, l’aggregazione, e quindi l’associazionismo, e quant’altro: presenza negli ospedali, nell’esercito, nelle scuole, nella stampa nelle banche…..e via così, tutto questo in nome di Dio. Comunione e Liberazione o Compagnia delle Opere, di quali opere si tratta?, fanno testo. Scusate ma se posso vorrei parlare della SINISTRA. Perchè la sinistra non riesce a diventare blocco sociale?, come la chiesa, perchè non convince? e perchè Vendola e Ferrero non capiscono che divisi non si va da nessuna parte? Insomma caro Vendola il P.D. ha fatto di tutto per far sparire la sinistra e soprattutto Rifondazione. il P.D. per sua ammissione è il Partito Democratico abbellito con qualche aggettivo come riformista o moderno o altro ancora. Purtroppo nella gente, sì di sinistra, non si riesce a far diventare questo fatto, senso comune. Poi: Rifondazione non è un partito estremista o un partito radicale o peggio ancora altro. E’ LA SINISTRA, è il PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA, punto.
Smettiamola di farci chiamare con titoli che non ci riguardano. Ecco, cominciamo da quì, diamo una identità non una divisione, diamo un progetto, un alternativa. Diffondiamo LIBERAZIONE non quello di Sansonetti ma quello del partito che è il proprietario. Altrimenti le responsabilità sono grandi se succedesse un disastro. Non capisco come con tutti i problemi che abbiamo ci si possa dividere. Qualcuno diceva : dividi et impera, be, stanno facendo di tutto,noi dobbiamo evitarlo. L’ alleanza con i Verdi, con il PdCI non è stata credibile e non è ripetibile in questa fase, soprattutto per colpa del P.D. e perchè non siamo riusciti a spiegarlo alla gente e perchè Dini e Mastella e altri hanno tradito l’alleanza che sosteneva Prodi. Finisco tornando alla Chiesa: tolgono potere al popolo per darlo ai potenti, non datemi dell’ingenuo, so benissimo che non è facile, noi dobbiamo ridarlo al popolo. Spero si apra un dibattito. Auguri a tutti e che il 2009 sia un po migliore per tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: