La carta giovani non basta!

28 02 2009

di Andrea Collini, articolo apparso su Buccinasco Informazioni Febbraio

È iniziata da qualche giorno a Buccinasco la distribuzione, per chi la richieda, della Carta Giovani. Inutile dire che non possiamo che accogliere con felicità questa iniziativa, tra l’altro già promossa da Rifondazione Comunista in campagna elettorale due anni fa.

Riteniamo però che questo sia veramente troppo poco: duole ricordare che in due anni di Amministrazione, nonostante le pompose promesse elettorali, questa sia di fatto l’unica iniziativa concreta attuata, a fronte di ben 29.000 euro di tagli al progetto giovani e mancati patrocini alle associazioni giovanili del territorio.

Il 31 Gennaio la “351”, associazione giovanile di Buccinasco, ha organizzato una festa riguardante Facebook, il social network più in voga al momento tra i ragazzi. Questa festa, che ha visto la partecipazione circa 250 persone, è stata chiamata “Primo Megaparty Facebook Buccinasco” e si è svolta… a Corsico. Infatti, nonostante un’assidua ricerca, gli organizzatori non sono riusciti a trovare un luogo che li potesse ospitare e si sono dovuti quindi rivolgere ad un locale privato a Corsico.

Parlando di Buccinasco spesso anche il Sindaco stesso si è vantato del fatto che Buccinaco è una delle città italiane con il maggior numero di giovani: ma come si riflette questo nella realtà?
La situazione è questa: per i giovani si investe lo 0,4% del bilancio; l’aggregazione giovanile si riduce al solo, sterile, Centro Giovani; l’unica iniziativa concreta, la Carta Giovani, è stata presa sulla spinta dell’Assessore Provinciale di Milano Irma Dioli di Rifondazione Comunista; vi è una assoluta mancanza di progetti organizzativi per il futuro; le iniziative spontanee dei giovani di Buccinasco invece di essere coltivate, sono ignorate.

Annunci




Europa: per uscire dalla crisi

27 02 2009

semilano7marzob_leggero





Una forza di sinistra vera oggi serve ancora di più o moriremo democristiani

24 02 2009

da La Repubblica, intervista a Paolo Ferrero

“In un modo o nell’altro qui si rischia di morire democristiani…”. Paolo Ferrero ironizza sul fatto che “Franceschini è un ex dc” alla guida di un partito fondato anche dagli ex pci. Perciò, per il segretario di Rifondazione “è più che mai necessaria una forza di sinistra, anche se sarebbe bene che il Pd lavorasse a un’opposizione vera contro il governo e contro Confindustria, che del governo è il principale suggeritore, e quando serve anche contro il Vaticano”.

Nulla di nuovo Ferrero?
Mi sembra che per la continuità con Veltroni, per le cose che ha detto e per la condizione oggettiva del Pd, a Dario Franceschini non passi nemmeno per l’anticamera del cervello di fare qualcosa di sinistra. E’ in continuità molto forte con l’impronta veltroniano”.

Ha fatto appello all’unità del sindacato, il neosegretario. Non è una cosa di sinistra?
In un momento in cui il sindacato è spaccato è più un attacco alla Cgil che una cosa di sinistra. Di sinistra oggi è schierarsi con la Cgil in difesa del contratto di lavoro. Sulla contrattazione il governo ha fatto una cosa gravissima, nessun paese del mondo pensa di uscire dalla crisi tagliando i salari reali, perché così si aggrava la crisi economica. Che il Pd neppure su questo riesca a schierarsi la dice lunga sulla sua inutilità dal punto di vista dell’opposizione a Berlusconi. Leggi il seguito di questo post »





Provinciali 2009: appello per una coalizione di liste della sinistra sociale e politica

23 02 2009

Dichiarazioni di Antonello Patta, Segretario provinciale PRC Milano

Rifondazione Comunista ha contribuito in questi anni al governo della Provincia di Milano, realizzando importanti conquiste nel campo della scuola, del lavoro, delle politiche di pace e della disabilità. Altrettanto importanti i risultati a difesa del territorio e dei beni comuni: sono stati infatti reintrodotti i vincoli agricoli sul Parco Sud fermando giganteschi interventi speculativi, sia all’interno del parco che su tutta la città. L’acqua della provincia di Milano resterà in mani pubbliche, grazie alla costituzione di un unico soggetto totalmente pubblico.

I numerosi interventi e le realizzazioni, parlano di una iniziativa politico-amministrativa del PRC, sia in consiglio che in giunta, produttiva, costruttiva, leale, mai subalterna e acquiescente.

Alla luce di questo risultati, abbiamo proposto alle forze della sinistra della coalizione – SD e Verdi – e al PDCI, di ripartire dalle cose positive fatte insieme per incalzare il Partito Democratico, per indurlo a rinunciare all’oramai impossibile autosufficienza e alla tendenza a spostare l’asse politico della sua coalizione in senso sempre più moderato.  Leggi il seguito di questo post »





Governare non significa fare campagna elettorale permanente!

20 02 2009

Ormai si è capito che le promesse del Governo Berlusconi erano e sono solamente specchietti per le allodole. Sono stati invece realizzati provvedimenti antipopolari e mancanti di vere soluzioni per i cittadini, tutto questo in assenza di una vera opposizione istituzionale . L’unica cosa importante di questo Governo è stata fatta per se stesso, cioè , la legge sul Lodo Alfano che mette al riparo dai processi il Presidente del Consiglio.

Diversamente la vicenda Alitalia e la crisi mondiale sono due dei tanti episodi che rivelano la completa inadeguatezza del Governo nel gestire i problemi reali del paese. Poco più di un anno fa l’esecutivo ha rifiutato (in nome dell’italianità) l’offerta di Air France (1,5 miliardi di euro), per svendere la compagnia di bandiera a Cai, accollando così sui cittadini 600 milioni di debiti. L’operazione è stata una truffa legalizzata in favore degli imprenditori di Cai, che in pochi anni triplicheranno il valore del loro investimento attraverso la logica che i profitti sono privati e i debiti sono pubblici.

I rimedi proposti dal governo per reagire alla crisi si rivelano ridicoli se paragonati a quelli adottati dagli altri paesi europei. La Francia, per esempio, ha stanziato 20 miliardi di euro per far fronte alla difficile situazione economica dei suoi cittadini e delle sue imprese. Leggi il seguito di questo post »





Shu’Fat Festa Liberazione

18 02 2009




Sabato 21 Febbraio, Manifestazione contro il pacchetto sicurezza

17 02 2009

SABATO 21 FEBBRAIO ORE 14,30
Porta Venezia – Manifestazione contro il pacchetto sicurezza e per la difesa della costituzione indetta dalla CGIL

Rifondazione Comunista aderisce impegnandosi per la buona riusciuta della manifestazione, invita alla massima partecipazione.

NOI CI SAREMO !

Il Circolo A. Gramsci Zona Sud Ovest si ritrova dietro lo striscione della Federazione del PRC di Milano.