Aborto: un altro attacco fondamentalista all’autodeterminazione delle donne

19 07 2009

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc-Se, e di Erminia Emprin, Direzione nazionale del Prc-Se

La mozione con la quale la Camera dei deputati ha impegnato il governo a proporre all’Onu una mozione che affermi il diritto delle donne a non essere costrette ad abortire e che omette di riconoscere, nello stesso tempo, il principio di autodeterminazione e la responsabilità femminile sulla nascita, è l’ennesima espressione di un fondamentalismo patriarcale che pretende di ricondurre e mantenere le donne in uno stato di minorità morale e giuridica – ha dichiarato Erminia Emprin.

E questo vale tanto più nel contesto italiano, in cui prevenzione e contraccezione sono storicamente un tabù e domani si avvia, nel Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco, la discussione sull’ immissione in commercio della Ru486, il farmaco per l’interruzione di gravidanza attualmente in uso in tutti i paesi della Comunità Europea ad eccezione del l’Irlanda, del Portogallo e dell’Italia.

L’astensione del Pd e dell’Idv è dunque un preoccupante segnale di regressione sul terreno delle relazioni tra donne e uomini nel nostro paese e di subalternità nei confronti della destra e delle gerarchie vaticane.


Ufficio stampa Prc-SE

Annunci




Castrazione chimica?

18 07 2009





“I quattro gatti che ascoltano il papa”: rimosso giornalista del Tg3

17 07 2009

In un servizio andato ieri sul Tg3 della sera, il giornalista Roberto Balducci ironizzava sul fatto che ad attendere il papa in vacanza in Val d’Aosta ci saranno anche due gatti e che questi “gli strapperanno un sorriso, almeno quanto i proverbiali quattro gatti, forse un po’ di più, che hanno ancora il coraggio e la pazienza di ascoltare le sue parole”. Il servizio, che ironizzava con garbo anche sull’attenzione quantomeno discutibile che i media hanno per ogni mossa papale (persino vacanziera), viene criticato dal mondo politico e dal Vaticano, che tramite il direttore della sala stampa padre Federico Lombardi ammonisce: “Il Tg3 si impegni in una linea di rispetto e attenzione per quanto riguarda la figura del Santo Padre”. In particolare, Giorgio Merlo (Pd) parla di “anacronistica e volgare deriva anticlericale”.
Di Bella, il direttore del Tg3, ci tiene a riparare, segnalando di aver “richiamato formalmente” il giornalista, il quale afferma di essere stato frainteso. Di Bella aggiunge che “la linea editoriale del Tg3 è stata sempre caratterizzata da grande attenzione e rispetto per il Vaticano”. Leggi il seguito di questo post »





Mobilitiamoci contro l’aumento dell’età pensionabile delle donne

16 07 2009

VERGOGNOSA LA POSIZIONE DEL GOVERNO E DELL’UE

Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc-Se, e di Roberta Fantozzi, responsabile Lavoro e Welfare, Segreteria nazionale del Prc-Se

E’ un governo vigliacco quello che aspetta il mese di luglio per allungare l’età pensionabile delle donne.

E’ un governo vergognoso quello che dopo aver tagliato pesantemente tutto il sistema di welfare con la manovra triennale, cioè dopo aver peggiorato ulteriormente la condizione delle donne su cui ancora si scarica la maggior parte del lavoro di cura, per soprammercato vuole allungare l’età pensionabile delle donne. Il governo cioè mira ad eliminare il solo riconoscimento del doppio lavoro che le donne quotidianamente svolgono. Né l’intervento, se si concretizzerà con un provvedimento legislativo, si fermerà al solo settore pubblico.
La sentenza della Corte di Giustizia a cui si è giunti a causa delle risposte lacunose e omissive che il II e III governo Berlusconi hanno dato ai rilievi avanzati dalla Commissione Europea, non obbliga affatto ad un intervento di tale natura.

E’ la volontà del governo di scaricare i costi della crisi su lavoratrici e lavoratori, nel mentre si condonano i grandi evasori, è il disegno sessista e classista che persegue che stanno alla base dell’ennesimo attacco ai diritti delle donne.

Inoltre, l’Unione Europea, per bocca del commissario Spilda, plaude al governo Berlusconi, non perchè la sentenza della Corte di giustizia obblighi ad aumentare l’età pensionabile, ma perché condivide in pieno un indirizzo politico che vuole far pagare il debito pubblico prodotto dalla crisi alle lavoratrici e ai lavoratori.

Per questo crediamo che innanzitutto le donne – del mondo del lavoro, del sindacato, delle reti di movimento, dei partiti – che hanno preso parola in questo periodo contro l’aumento dell’età pensionabile, debbano rilanciare l’iniziativa e la mobilitazione di massa.


Ufficio stampa Prc-SE





Paolo Ferrero: appello per l’unità tra partiti e movimenti

13 07 2009

«Sinistra, una federazione che guarda al Sudamerica»
da Il Manifesto, 12 Luglio 2009

Intervista di Matteo Bartocci

Una federazione della sinistra di alternativa. E’ la proposta che Prc, Pdci, Socialismo 2000, più altri movimenti e associazioni lanciano a 360 gradi. «Una federazione, non un partito unico né un puro forum di discussione». Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione, spiega così di cosa si tratta: «E’ un’idea che si ispira all’esperienza latinoamericana o all’esperienza delle donne quando dicevano che vanno rispettate le diversità senza che diventino disuguaglianze». «Una soggettività plurale – spiega Ferrero – che vuole unire la sinistra per superare quello che c’è e riuscire a intrecciare i tanti modi diversi di fare politica nei partiti, nei movimenti, nei sindacati e nelle associazioni. Il nostro appello vuole aprire un processo verso una sinistra antagonista che sia fuori e contro il bipolarismo».

Sabato prossimo fate la prima assemblea a Roma. Di che si tratta?
Sarà un primo scambio pubblico di idee a 360 gradi. In autunno spero ci siano assemblee in tutta Italia. Rifondazione rimane ma con questo appello supera una sua dicotomia storica. Penso ad Asor Rosa o al dibattito aperto sul manifesto. Il Prc in fondo ha sempre detto a parole che voleva aprire a sinistra ma poi non ha mai fatto granché. Rifondazione rimane ma non crescerà su stessa, con la federazione nessuno rinuncia a ciò che è e proverà a lavorare con altri. Leggi il seguito di questo post »





Cuore di Mamma

12 07 2009

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo di Fabrizio Cirnigliaro, un ragazzo di Buccinasco.

“Changeling è un film del 2008 diretto da Clint Eastwood, tratto da una storia vera. Ambientato a Los Angeles nel 1928, la pellicola racconta la storia di Christine Collins (Angelina Jolie), che un sabato pomeriggio rientra a casa da lavoro e scopre che il figlio Wilson è scomparso. A distanza di cinque mesi la Polizia le comunica che è stato ritrovato suo figlio, ma quel bambino non è il suo Wilson e lei lo capisce al primo sguardo. La polizia della città non naviga in buone acque, vari scandali di corruzione ne hanno infangato l’onore e il ritrovamento del bambino, anche se non è il vero Wilson Collins, è un ottima trovata pubblicitaria. Per questo motivo il capo della polizia insiste perchè lei accetti di tenere il bambino. Christine supplica la polizia di continuare le ricerche del figlio, il capitano Jones capisce che lei non si rassegnerà facilmente e quando lei coinvolgerà il reverendo Briegleb (John Malkovich) – che nella sue trasmissioni radiofoniche ha denunciato più volte le malefatte della polizia – lui la farà rinchiudere in manicomio senza effettuare prima alcuna perizia psichiatrica. Lì Christine incontrerà altre donne che sono state rinchiuse per aver cercato di denunciare dei poliziotti e si accorgerà che molte di loro non hanno nessun problema “psichiatrico”. Ciò nonostante non si scoraggerà, troverà la forza per andare avanti e continuare a lottare per scoprire cosa sia successo a suo figlio. Leggi il seguito di questo post »





I grandi della terra al G8

11 07 2009