La Russa sul crocifisso: possa morire chi rispetta la legge

7 11 2009

di Fabio Chiusi, tratto da IlNichilista

Pensavo che con gli ultimi due titoli de La Padania (“non vogliamo morire islamici”, “la nuova crociata”) si fosse toccato il fondo sul dibattito sul crocifisso.

Invece mi sbagliavo. Il fondo spetta a Ignazio La Russa, che stamane a La vita in diretta, interpellato sul significato del 4 novembre, decide invece di polemizzare con il conduttore della trasmissione, Lamberto Sposini, circa la discussione appena terminata sulla sentenza della Corte Europea.

Questo il La Russa-pensiero (qui il video da cui dedurlo):

1. Non deve essere interpellato chi non abbia “alcun titolo scientifico per essere esperto di religione“.

2. Il dibattito non può contrapporre due favorevoli al crocifisso nelle aule (Rocco Buttiglione e don Mario Pieracci) a tre contrari (Piergiorgio Odifreddi, Raffaele Carcano e Mario Pieracci) perché così si “fa immaginare che in Italia ci sia un 60% di persone che la pensa a quel modo”.

3. Non si può dichiarare, come è stato fatto, che il crocifisso derivi dalla legge fascista.

Chiunque violi questi tre assiomi può morire. Testualmente:

E comunque non lo leveremo, il crocifisso. Possono morire. Il crocifisso resterà in tutte le aule (applauso) della scuola, in tutte le aule pubbliche. Possano morire. Possano morire, loro e quei finti organismi internazionali che non contano nulla.

Un breve commento, punto per punto:

1. Cosa significa un parere “scientifico” sulla religione? Intende forse il parere di uno scienziato? Non sembra, dato che imputa mancanza di scientificità al parere di Odifreddi, un “illustre sconosciuto” che ha trattato ripetutamente i temi religiosi con approccio scientifico. Ad esempio, in un libro chiamato proprio “Il Vangelo secondo la scienza”. Dunque La Russa per “scientifico” intende “religioso”: soltanto un uomo di fede è competente in materia religiosa. Questa è l’idea di laicità del Ministro della Difesa.

2. La Russa rivela anche quale sia l’idea di par condicio sua e del PDL: chi ha più consenso deve avere più spazio nei dibattiti. Una idea che si cerca di tramutare in legge al più presto. Come rivela Il Fatto Quotidiano, in cui si parla di un “lodo Abrignani” ispirato dal “principio di proporzionalità degli accessi televisivi durante la campagna elettorale”. La Russa sembra dunque richiedere alla RAI di applicare una legge che, per ora, esiste soltanto nelle intenzioni.

3. Nonostante lo sdegno di La Russa, la presenza nei luoghi pubblici del crocifisso è in gran parte merito di leggi fasciste e monarchiche. Come ricorda la stessa sentenza della Corte Europea, infatti,

All’avvento del fascismo lo Stato adottò una serie di circolari miranti a fare rispettare l’obbligo di esporre il crocifisso nelle aule.La circolare del ministero della Pubblica istruzione n. 68 del 22 novembre il 1922 recitava: «In questi ultimi anni, in molte scuole primarie del Regno l’immagine di Cristo ed il ritratto del Re sono stati tolti. Ciò costituisce una violazione manifesta e non tollerabile e soprattutto un danno alla religione dominante dello Stato così come all’unità della nazione. Intimiamo allora a tutte le amministrazioni comunali del regno l’ordine di ristabilire nelle scuole che ne sono sprovviste i due simboli incoronati della fede e del sentimento patriottico».La circolare del ministero della Pubblica Istruzione n. 2134-1867 del 26 maggio 1926 affermava: «Il simbolo della nostra religione, tanto per la fede quanto per il sentimento nazionale, esorta e ispira la gioventù che nelle università e negli altri istituti superiori affina il suo spirito e la sua intelligenza in previsione delle alte cariche alle quali è destinata».L’articolo 118 del Regio Decreto n. 965 del 30 aprile 1924 (regolamento interno degli istituti d’istruzione secondari del Regno) recitava: «Ogni scuola deve avere la bandiera nazionale, ogni aula il crocifisso e il ritratto del Re».L’articolo 119 del Regio Decreto n. 1297 del 26 aprile 1928 (Approvazione di regolamento generale dei servizi d’insegnamento elementare) stabiliva che il crocifisso era fra «le attrezzature e materiali necessari alle sale di classe di scuole».

 

 

Per quanto riguarda la conclusione (“possono morire”), sorprende la dichiarazione finale di Sposini: “io la penso come lei“. Per la serie “chi striscia non inciampa”.

Va anche ricordato che La Russa non è nuovo a esternazioni di questo tipo sui pareri espressi da organi internazionali.

All’indomani della bocciatura della politica dei respingimenti da parte dell’Agenzia dell’ONU per i Rifugiati (Unhcr), La Russa dichiarò: “E’ un’organizzazione che non conta un fico secco” e dall’atteggiamento “disumano e criminale“.

Quando Berlusconi redarguì i portavoce di Bruxelles affermando “stiano zitti o blocco il Consiglio Europeo” il Ministro prese le difese del Premier, definendo le sue parole “uno stimolo perché l’Unione Europea funzioni meglio“. Come, con le intimidazioni?

Da ultimo, mi sento di sottolineare una dichiarazione di Berlusconi riguardo alla sentenza della Corte Europea, che è passata ingiustamente inosservata e riassume in una sola frase quanto detto da La Russa:

L’Italia è un Paese dove tutti non possiamo non dirci cristiani.

Questa è la posizione del governo italiano. Una posizione in palese contraddizione con la Corte Costituzionale. Come ricorda la sentenza, infatti:

La Corte costituzionale italiana nella sua sentenza n. 508 del 20 novembre 2000 ha riassunto la sua giurisprudenza affermando che principi fondamentali di uguaglianza di tutti i cittadini senza distinzione di religione (articolo 3 della Costituzione) e di eguale libertà di tutte le religioni dinanzi alla legge (articolo otto) stabilisce che l’atteggiamento dello Stato deve essere segnato da equidistanza e imparzialità, indipendentemente dal numero di membri di una religione o di un’altra (vedere sentenze n. 925/88; 440/95; 329/97) né dall’ampiezza delle reazioni sociali alla violazione di diritti dell’una o dell’ altra (vedere sentenza n. 329/97).[…]Una tale posizione di equidistanza e di imparzialità è il riflesso del principio di laicità che per la Corte costituzionale ha natura «di principio supremo» (vedere sentenza n. 203/89; 259/90; 195/93; 329/97) e che caratterizza lo Stato in senso pluralista.

 

La Russa e Berlusconi sono dunque nella paradossale posizione di rappresentare la legge e l’illegalità.

L’importante è fare come Sposini: pensarla come loro. E tutto si aggiusta

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: