ISTITUZIONE DEL FONDO SOCIALE COMUNALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE

20 11 2009

Per il prossimo Consiglio Comunale, Rifondazione ha presentato il seguente Ordine del Giorno:

IL CONSIGLIO COMUNALE DI BUCCINASCO

Visto il decreto legislativo 130 – 3.5.2000, il dpcm 29.11.2001 recepito dall’art. 54 della legge 289 – 2002

Visto in particolare il comma 2 ter dell’art. 3 del D.Ig. 109/1998, modificato dal decreto legislativo 3 maggio 2000, n. 130 il quale recita: “limitatamente alle prestazioni sociali agevolate … rivolte … a soggetti ultra- sessantacinquenni la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dalle aziende unità sanitarie locali” le disposizioni contenute nel medesimo decreto si applicano “nei limiti stabiliti con decreto del Presidente della Repubblica … al fine di favorire la permanenza dell’assistito presso il nucleo familiare di appartenenza e di evidenziare la situazione economica del solo assistito, anche in relazione alle modalità di contribuzione al costo della prestazione”.

Considerato che l’emanazione del decreto del Presidente è ormai irrealizzabile a seguito delle modifiche al titolo V della Costituzione che rivedono il ruolo dello Stato in materia di assistenza e di provvedimenti connessi, attribuendo alle Regioni la competenza a regolamentare tale materia ad esclusione dei livelli essenziali.

Visto il decreto del ministero della solidarietà sociale DM 12/10/2007 n. 31560

Vista le legge regionale 12 marzo 2008 – n. 3 –

Vista la deliberazione della Giunta regionale D.g.r. 28 maggio 2008 – n. 8/7327 – con la quale è stata accantonata sul capitolo “Fondo per le non autosufficienze”, come indicato dallo stato di previsione delle spese (2.1.183 Trasferimenti dello Stato con vincolo di destinazione specifico. 7221 Assegnazioni statali per il fondo per le non autosufficienze) la somma di € 14.563.791,95 per il 2008.

Vista la deliberazione della Giunta regionale il Dg.r. 22 ottobre 2008 – n. 8243 – per l’assegnazione della prima tranche del “Fondo per le non autosufficienze” agli ambiti distrettuali.

Considerato che Il problema degli anziani non autosufficienti è DRAMMATICO e che anche nel nostro distretto molti anziani diventano non autosufficienti e la retta della casa di riposo è insostenibile (da 1.400 a 2.000 Euro mensili ) come il costo di una badante regolare (non meno di 1.500 Euro mensili).

Considerato che questi costi si scaricano sui famigliari i quali, scontata la pensione dell’anziano, devono spendere da 500 a 1.000 euro mensili e più e che con pensioni e salari insufficienti, coi prezzi aumentati e ora con la crisi, le famiglie non ce la fanno più a sostenere quei costi

Considerato che ogni anziano non autosufficiente ha diritto all’assistenza sociale in casa di riposo o a domicilio e il comune deve garantire questo diritto.

Tutto quanto sopra premesso

Delibera

1. Di demandare alla Giunta Comunale di farsi promotrice presso la Regione e nell’ambito Distrettuale del “ Piano di Zona” per avviare con urgenza un percorso di attuazione di regolamenti con finalità di aiuto concreto per le famiglie che abbiano un parente in condizione di non autosufficienza.

2. Di prevedere, nel Comune di Buccinasco, un regolamento o l’eventuale modifica qual’ora esistesse già, per l’erogazione delle prestazioni sociali agevolate, nel senso di:

a) escludere i parenti dal concorso al costo dei servizi a favore delle persone malate croniche non autosufficienti e delle persone con disabilità grave;

b) in costanza di ricovero e successivamente al ricovero stesso, escludere ogni forma di rivalsa sui beni patrimoniali delle persone assistite e dei loro parenti, da parte del Comune e degli enti erogatori del servizio.

3. Di demandare alla Giunta l’istituzione, nell’ambito del PEG, di un capitolo di bilancio denominato “Fondo per le non autosufficienze” volto a realizzare le necessarie contribuzioni a favore delle persone malate croniche non autosufficienti e delle persone con gravi disabilità per integrare la retta giornaliera, se curate in struttura sociosanitaria residenziale e per integrare il costo dell’assistente familiare se curate a domicilio.

4. Di prevedere nel bilancio comunale appositi finanziamenti da destinare al “Fondo per le non autosufficienze” da coprire con:

4.1 la quota del “Fondo nazionale per le non autosufficienze” e dai fondi Regionali assegnati al comune dall’ambito distrettuale/Piano di Zona;

4.2 altre risorse di origine pubblica o privata.

5. Di assegnare le risorse di cui al punto 4. alle:

5.1 persone malate croniche non autosufficienti e persone con gravi disabilità curate in struttura sociosanitaria residenziale in base a quanto verrà disposto dai criteri ISEE indicati dall’allegato A in base a quali il Comune e il Piano di Zona adegueranno i propri regolamenti .

5.2 persone malate croniche non autosufficienti e persone con gravi disabilità curati in base a quanto disposto nell’ALLEGATO A) “Assegnazione del contributo economico (buono) di integrazione al costo dell’assistente familiare”

Il suddetto allegato costituisce parte integrante della presente deliberazione.

Scarica ALLEGATO.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: