FEDERAZIONE DELLA SINISTRA. FINALMENTE, SI PARTE!

23 12 2009

Dopo la riuscita manifestazione al Brancaccio del 5 dicembre scorso, dove si è dato l’avvio alla fase costituente, la Federazione della Sinistra, muove i primi passi.
Nei giorni scorsi, infatti, si sono tenute le prime due riunioni degli organismi che ci guideranno fino al congresso costitutivo che si terrà alla fine del 2010: il Consiglio Nazionale e il Coordinamento Nazionale. Qui a fianco potete leggere i nomi dei compagni e delle compagne che ne fanno parte. Per il Portavoce nazionale, come è noto, si è deciso, fino al congresso, di fare una rotazione tra i quattro soggetti promotori della Federazione stessa (Prc, Pdci, Socialismo 2000 e Associazione Lavoro e Solidarietà), a partire da Rifondazione Comunista con il compagno Paolo Ferrero. Quali sono le prime decisioni prese?
Intanto, come bussola politica e organizzativa, occorre partire dai due testi che la Federazione ha assunto: il Manifesto politico e lo Statuto provvisorio. Sono scaricabili dal sito di Rifondazione Comunista (www.rifondazione.it) e sono stati inviati a tutte le Federazioni del Partito.
Leggi il seguito di questo post »





Lettera di Paolo Ferrero

15 12 2009

Cara compagna, caro compagno,

il nostro Partito arriva da un periodo molto travagliato: sconfitte elettorali, scissioni, e da un oscuramento dell’informazione che ci ha quasi fatto sparire dai mass media.
In quest’ultimo anno abbiamo lavorato a ricostruire il partito. Per la prima volta dopo tanti anni siamo riusciti a darci una gestione interna unitaria, in cui  tutte le le aree del partito collaborano, mentre parallelamente stiamo ricostruendo l’intervento politico esterno.
Lo abbiamo fatto in questi mesi ricostruendo il lavoro sociale del partito: a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori nelle lotte per la difesa del posto di lavoro, nel movimento dei precari, nelle battaglie ambientali e per l’acqua pubblica, con l’impegno nel terremoto e con la raccolta di firme per il referendum contro il lodo Alfano. Lo abbiamo fatto costruendo dal basso il partito sociale, nelle mille forme di aggregazione e di solidarietà vertenziale a cui abbiamo dato vita sui territori. Leggi il seguito di questo post »





Lunedì 14 dicembre: attivo di circolo

11 12 2009

Lunedì 14 dicembre alle ore 21.00 presso la sede di Corsico
 
è indetto un Attivo di tutti/e gli/le iscritti/e e simpatizzanti per un confronto in merito al

“ Percorso da seguire nel processo unitario della Federazione della Sinistra”

  • Interviene un rappresentante della Segreteria provinciale




12 Dicembre: la strage è di stato

10 12 2009

Ricorrerà il prossimo 12 dicembre il quarantesimo anniversario della strage di piazza Fontana. È ancora in fase di definizione un articolato programma celebrativo, con convegni, mostre e incontri pubblici, promossi dal Comitato antifascista, che da sempre si è assunto la responsabilità di organizzare il ricordo di questo tragico evento, di concerto con il Comune di Milano.
Rifondazione comunista e i Comunisti italiani nell’augurarsi la piena riuscita di questo momento, a cui intendono dare un contribuito fattivo anche come membri del Comitato antifascista, non possono comunque non rilevare come, negli ultimi anni in particolare, la memoria di questa vicenda si sia fortemente appannata.
La strage, che comportò la morte di 17 persone inermi e il ferimento di quasi un centinaio, fu determinata da una bomba fascista collocata dal gruppo di Ordine nuovo all’interno della Banca Nazionale dell’Agricoltura con la copertura di apparati dello Stato. A sancire questa verità, le stesse sentenze d’Appello e di Cassazione, che pur comportando l’assoluzione degli imputati negli ultimi processi, hanno confermato la matrice dell’attentato, nonché le responsabilità personali di Franco Freda e Giovanni Ventura, due degli stragisti fascisti, ormai non più processabili.
Il ricordarlo significa testimoniare una verità che qualcuno vorrebbe ancora una volta oscurare in nome di una critica e di una condanna generica del terrorismo. Con essa nascondere anche le tragiche circostanze della morte di Giuseppe Pinelli, la diciottesima vittima innocente di piazza Fontana, che precipitò da una finestra del quarto piano della Questura milanese, non certo per un “malore attivo”, quando si cercava di attribuire agli anarchici e alle sinistre la responsabilità di quanto accaduto. Leggi il seguito di questo post »





Arancia metalmeccanica al NO B DAY!

5 12 2009

Le arance verranno distribuite a Piazza della Repubblica e a PiazzaSan Giovanni, presso due gazebo.

Le arance metalmeccaniche saranno inoltre distribuite dai camion di Rifondazione Comunista e delle Brigate di Solidarietà Attiva

Continua la campagna “Arancia Metalmeccanica”, per il sostegno dei lavoratori Eutelia e per la promozione dell’ unità e della solidarietà tra tutti i lavoratori. Guarda la sezione Prossimi appuntamenti per visualizzare indirizzi e mappe dei prossimi banchetti.

Ottimo successo al debutto della campagna “Arancia MetalMeccanica”, Sabato 28/11/09, in sostegno dei lavoratori Eutelia, per i circoli PRC e PDCI della tiburtina, con banchetti realizzati in vari siti del territorio. Il senso di questa iniziativa e’ quello di dare un aiuto concreto ai lavoratori Eutelia da mesi senza stipendio, ma anche quello di promuovere unita’ e solidarieta’ tra le classi lavoratrici, nell’ottica di un blocco sociale in grado di opporsi concretamente alle politiche liberiste basate sulla speculazione economica e sullo sfruttamento di classe, a beneficio di pochissimi, e a danno di tutti gli altri.

www.aranciametalmeccanica.net





Roma, 5 Dicembre: Si parte

2 12 2009





Ferrero: “Uniti e autonomi dal PD per una vera alternativa”

1 12 2009

di Dino Greco e Cosimo Rossi (Liberazione del 29/11/2009)

Il 5 dicembre inizia il cammino della Federazione: rovesciare la coazione a dividersi e rimettere al centro il conflitto sociale

Due coordinate luminescenti: “Invertire la coazione a ripetere le divisioni, rottamando il circuito che per 15 anni ha macinato la sinistra fino a provocarne la completa inattendibilità, e riposizionare esplicitamente il proprio baricentro nel conflitto sociale, che è un punto di riferimento decisivo”. Per Paolo Ferrero è attraverso questi due assi che dal prossimo sabato mattina deve incamminarsi la Federazione della sinistra, in quanto “principale bacino di coltura” attraverso cui dare consistenza a quella “massa critica” intesa a “mettere insieme tutti quanti sono disponibili a realizzare una sinistra autonoma, indipendente e strategicamente alternativa rispetto al Pd”.
E in quest’ottica il segretario del Prc considera “estremamente positiva” la partecipazione nel pomeriggio al No B day in cui si produco “spazi virtuali e forme di aggregazione che costruiscono coscienza”. Ovvero “lo spazio pubblico” di opposizione alla destra che è anche spazio abito da frammenti di progetto di alternativa.

D. Il “No B day” del prossimo sabato pomeriggio, può intendersi come una sorta di corollario, e insieme di verifica di piazza, dell’avvio del processo di Federazione della Sinistra e della sua sfida alla sinistra moderata del Pd?
R. Silvio Berlusconi è tendenzialmente un fascista, in quanto ha una concezione fascista del potere. Contro questo atteggiamento occorre realizzare una grande mobilitazione democratica. Per questo il 5 dicembre siamo in piazza con il No B day. E in questo senso sbaglia il Pd a non cogliere l’opportunità e la necessità di questa battaglia diretta nei confronti di Berlusconi in persona, per ciò che egli incarna simbolicamente. Così come, allo stesso tempo, bisogna far crescere i conflitti sociali sui punti di fondo, dalle questioni del lavoro in avanti, in quanto la forza del premier è quella di riuscire puntualmente a cambiare il terreno di discussione e far discutere di sé anziché dei problemi del paese. Invece dovrebbe rispondere riguardo ai problemi del paese rispetto ai quali non è in grado di produrre nessuna soluzione. Leggi il seguito di questo post »