Sicurezza, Sicurezza… paura della libertà

5 03 2009

camitodi Giampietro Camito

Buccinasco è uno strano paese dove i problemi reali vengono nascosti sotto il tappeto e così in mancanza di “problemi” se ne inventa qualcuno per far vedere che si è in grado di risolvere i “problemi”.
Strani personaggi si aggirano: il Sindaco Cereda che sogna, giusto per turbare un po’ l’ordine pubblico, di fare un convegno su un tal Julius Evola, teorico dell’eugenetica nazista (eliminazione di tutte le persone diversamente abili) teorico della purezza della razza e fondatore in patria delle famigerate “leggi razziali” in questo suo strano percorso è stato accompagnato dal cattolico Mario Arrigoni il quale non ci sembrava fosse integralista e nemmeno ammiratore di Mons Williamson… Quello che afferma che le camere a gas servivano per disinfettare…..
Ai due nostri prodi, babbo natale ha portato la signora Tiziana Maiolo, che forse cacciata da Milano o forse confinata dal Popolo delle Libertà , sbarca a Buccinasco……. Assessore alla Sicurezza.
La Maiolo può vantare un grande curriculum, inizia a far politica con i radicali nelle battaglie per la liberalizzazione di tutte le droghe e contro le Centrali Nucleari, passa a scrivere sul quotidiano IL MANIFESTO, si candida come indipendente con Rifondazione Comunista, arriva dopo una serie di travagli in Forza Italia dove ci starà…. Fino a quando ??????? Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Comunicato ANPI sul “caso Evola”

20 11 2008

A seguito della decisione del Sindaco Loris Cereda e dell’assessore alla cultura Mario Arrigoni del Comune di Buccinasco di organizzare per il 27 novembre 2008 un convegno su “l’attualità del pensiero di Julius Evola”, nella stessa sede della cascina Robbiolo e nella stessa data in cui era stata programmata da oltre un mese l’ultima lezione sul neofascismo e le nuove frontiere del pensiero razzista organizzata dall’A.N.P.I.,
la sezione “Fulvio Formenti” dell’A.N.P.I. di Buccinasco, nel ricordare come Julius Evola abbia:
– rappresentato la figura principale di riferimento per il neofascismo italiano del dopoguerra e per larga parte della destra radicale contemporanea;
– elaborato una teoria razzista incentrata su tre livelli (razzismo del corpo, dell’anima e dello spirito) andando al di là della “semplice” teoria nazista del razzismo biologico;
– approvato il progetto eugenetico della Germania hitleriana, con l’eliminazione di oltre 80 mila portatori di handicap e malati mentali, per «impedire che un’eredità guasta si trasmetta in altre generazioni», come scrisse egli stesso;
Leggi il seguito di questo post »